per una Endocrinologia 2.0
 


Metformin Attenuates 131I Induced Decrease in Peripheral Blood Cells in Patients with Differentiated Thyroid Cancer

Athanasios Bikas, Douglas Van Nostrand, Kirk Jensen, Sameer Desale, Mihriye Mete, Aneeta Patel, Leonard Wartofsky, Vasyl Vasko, and Kenneth D. Burman
Thyroid (2016) 26,280–285
 

RIASSUNTO
 

Background: 131I treatment (tx) of differentiated thyroid cancer (DTC) is associated with hematopoietic toxicity. It was hypothesized that metformin could have radioprotective effects on bone marrow function. The objective was to determine whether metformin prevents 131I- induced changes in complete blood counts (CBC) in patients with DTC.
Methods: A retrospective analysis was performed of CBC values in DTC patients who were (40 patients: metformin group) or were not taking metformin (39 patients: control group) at the time of administration of 131I. Repeated measures analysis of variance was used for the analysis of the differences in the averages of CBC that were documented at baseline and at 1, 6, and 12 months post 131I tx.
Results: The groups were comparable in terms of age, sex, stage of DTC, 131I dose administered, and baseline CBC values. In the control group, the decrease in white blood cells (WBC) was 35.8% (p <0.0001) at one month, 21.8% ( p < 0.0001) at six months, and 19.4% ( p < 0.0001) at 12 months. In the metformin group, the decrease in WBC was 17.1% ( p < 0.0001) at one month, and 8.6% at six months ( p =0.01), while at 12 months WBC had returned to baseline values ( p = 0.9). Differences between the two groups were highly statistically significant at all time points ( p <0.0001, p = 0.0027, and p < 0.0001, respectively). Lymphocytes were more sensitive to 131I, but metformin’s radioprotective properties were more prominent in neutrophils. At 12 months, the decrease in platelets in the control group was 15.5% ( p < 0.0001) versus 5.6% ( p = 0.056) in the metformin group, while at one and six months the reductions in the two groups were comparable. No statistically significant differences were observed between the two groups in the change fromnbaseline values for hemoglobin.
Conclusions: Metformin attenuated the 131I -induced decrease in CBC parameters, and its radioprotective properties were more prominent in WBC. Patients who were taking metformin during 131I tx also experienced a faster recovery in their blood counts, when compared to the control group. Further study is warranted in order to examine if the radioprotective properties of metformin observed in the current study for 131I tx can also apply to other forms of therapeutic chemo-and radiotherapy.

 
COMMENTO

In questo lavoro retrospettivo Bikas e Coll.hanno selezionato dal database 79 pazienti con diabete
mellito tipo 2 e carcinoma differenziato della tiroide (CDT). In particolare,essi hanno monitorato l'assetto ematologico in pazienti sottoposti a trattamento con Iodio 131 dopo tiroidectomia totale o near totale per CDT che erano in trattamento con metformina da almeno 3 mesi (Gruppo con metformina, 40 pazienti) e in 39 pazienti (gruppo di controllo) sottoposti allo stesso protocollo terapeutico per CDI ma che non stavano assumendo metformina. Un esame emocromocitometrico completo era stato effettuato nei 2 Gruppi in condizioni basali e dopo 1, 6 e 12 mesi dal trattamento con I131. Il Gruppo pretrattato con metformina presentava una riduzione dei globuli bianchi significativamente minore rispetto a quella osservata nel gruppo di controllo, sia dopo 1 che dopo 6 mesi, con ritorno ai valori normali di base a 12 mesi, mentre il gruppo di controllo presentava ancora una riduzione del 19.4% dei leucociti rispetto alla conta di base. L'effetto protettivo della metformina si riscontrava soprattutto per i neutrofili. La conta piastrinica presentava una riduzione ad 1 e 6 mesi sovrapponibile nei 2 gruppi, ma a 12 mesi era di solo il 5.6% rispetto al valore basale nel gruppo con metformina, rispetto al 15.5% nel gruppo di controllo. Questo è un semplice ma importante lavoro che dimostra il ruolo protettivo della metformina sull'assetto ematologico dei pazienti sottoposti a terapia con I131. Oggi, le più recenti linee guida sul trattamento del carcinoma della tiroide tendono a dare indicazioni più stringenti sull'uso della terapia radiometabolica nei pazienti con CDT,sottolineando come debbano essere esclusi da tale terapia i casi a basso rischio. Tuttavia, l'uso di tale terapia si rende indispensabile e deve tuttora essere ripetuta più volte nei casi più gravi con recidiva locale o a distanza. Avere la disponibilità di un farmaco a basso costo e con lievi e talora trascurabili effetti collaterali, che possa ridurre l'effetto negativo sull'ematopoiesi della terapia con I131, può aprire nuovi orizzonti non solo nella terapia del cancro della tiroide, ma anche di altre patologie che hanno bisogno dell'uso di agenti radioterapici, naturalmente qualora ulteriori studi confermassero l'effetto protettivo della metformina.

Giuseppe Bellastella
Dipartimento di Scienze Mediche, Chirurgiche,
Neurologiche, Metaboliche e dell’Invecchiamento
U.O.C. di Endocrino
logia e Malattie del Metabolismo
Seconda Università di Napoli
Piazza L. Miraglia 2
80138, Napoli
 
 


 
 
 
Copyright © 2019 | SICS S.r.l. - Via Boncompagni 16 - 00187 Roma | Partita IVA: 07639150965 - Tel. +39 06 89272802