per una Endocrinologia 2.0


MODY: quando diagnosticarlo

Laura Bertoccini e Marco Giorgio Baroni

Sezione di Endocrinologia
Dipartimento di Medicina Sperimentale
Sapienza Università di Roma
Il termine MODY (maturity-onset diabetes of the young) indica una forma di diabete monogenico caratterizzato da insorgenza precoce, trasmissione autosomica dominante e alterazione della funzione beta cellulare. E' la forma più comune di diabete monogenico (1-2% dei casi di diabete in Europa) anche se, per le caratteristiche cliniche simili, spesso i pazienti sono classificati come affetti da Diabete tipo 1 o Diabete tipo 2. In un'analisi nel Regno Unito più dell'80% dei pazienti non sono diagnosticati correttamente, con un ritardo fino a 12 anni per la diagnosi di MODY (1). Sono stati identificati 13 sottotipi di MODY in base al gene responsabile (Tabella 1) ma mutazioni in GCK (glucokinase), HNF1A, HNF4A e HNF1B (hepatocyte-nuclear factor 1α, 4α e 1β) sono le cause più comuni. Una corretta diagnosi permette di identificare la terapia ottimale, la prognosi, il follow-up e lo screening dei familiari. Il gold standard per la diagnosi di MODY sono i test genetici, altamente sensibili e specifici; sono disponibili in molti laboratori ma sono costosi. E’ necessaria quindi una selezione mirata degli individui da sottoporre ai test (2).
 
MODY Tabella1
QUALI SOGGETTI IPERGLICEMICI SOTTOPORRE AL TEST?
Mutazioni nei geni GCK e HNF1A sono causa di MODY nel 70% dei casi. Dovrebbero essere sottoposti alla ricerca di mutazioni in GCK i bambini nei quali è presente alterata glicemia a digiuno persistente (≥99 mg/dl), HbA1c appena sopra i limiti normali o un piccolo incremento della glicemia dopo 2 h da OGTT (<83 mg/dl). La presenza d’iperglicemia nei genitori aumenta il sospetto diagnostico. Bambini e giovani adulti con iperglicemia e storia familiare di diabete (almeno 2 generazioni) hanno l'indicazione ad eseguire il test per la mutazione del gene HNF1A. Una giovane età d’insorgenza del diabete prima dei 25 anni in almeno un membro della famiglia supporta l'ipotesi della mutazione del gene HNF1A. In tutti i casi sospetti, sia per mutazioni di GCK sia di HNF1A, deve essere confermata l'assenza di auto-anticorpi contro antigeni beta-cellulari. In caso di negatività per GCK e HNF1A potranno essere testati gli altri geni. Spesso accade che l'iperglicemia sia scoperta durante la gravidanza; è opportuno fare il test per GCK quando vi è persistente aumento della glicemia a digiuno (99-144 mg/dl) prima, durante e dopo la gravidanza, incremento della glicemia <83 mg/dl a 1 ora da OGTT e familiarità per diabete (1).
Mutazioni nei geni GCK e HNF1A sono causa di MODY nel 70% dei casi. Dovrebbero essere sottoposti alla ricerca di mutazioni in GCK i bambini nei quali è presente alterata glicemia a digiuno persistente (≥99 mg/dl), HbA1c appena sopra i limiti normali o un piccolo incremento della glicemia dopo 2 h da OGTT (<83 mg/dl). La presenza d’iperglicemia nei genitori aumenta il sospetto diagnostico. Bambini e giovani adulti con iperglicemia e storia familiare di diabete (almeno 2 generazioni) hanno l'indicazione ad eseguire il test per la mutazione del gene HNF1A. Una giovane età d’insorgenza del diabete prima dei 25 anni in almeno un membro della famiglia supporta l'ipotesi della mutazione del gene HNF1A. In tutti i casi sospetti, sia per mutazioni di GCK sia di HNF1A, deve essere confermata l'assenza di auto-anticorpi contro antigeni beta-cellulari. In caso di negatività per GCK e HNF1A potranno essere testati gli altri geni. Spesso accade che l'iperglicemia sia scoperta durante la gravidanza; è opportuno fare il test per GCK quando vi è persistente aumento della glicemia a digiuno (99-144 mg/dl) prima, durante e dopo la gravidanza, incremento della glicemia <83 mg/dl a 1 ora da OGTT e familiarità per diabete (1).

MODY Algoritmo 2 IL TRATTAMENTO DEL MODY

Per i pazienti HNF1A-MODY3 inizialmente può essere sufficiente la sola dieta anche se la maggior parte di essi avrà bisogno di trattamento farmacologico con ipoglicemizzanti orali (con ottima risposta alle sulfaniluree) o insulina, a causa del progressivo peggioramento del controllo glicemico e del rischio di complicanze. Nei pazienti GCK-MODY2 l'iperglicemia non peggiora, le complicanze micro o macrovascolari sono rare e solo eccezionalmente necessitano di trattamento farmacologico (3).

Bibliografia
1. Ellard S, Bellanné-Chantelot C, Hattersley AT; European Molecular Genetics Quality Network (EMQN) MODY group. Best practice guidelines for the molecular genetic diagnosis of maturity-onset diabetes of the young. Diabetologia. 2008 Apr;51(4):546-53.
2. Ellard S, Lango Allen H, De Franco E, Flanagan SE, Hysenaj G, Colclough K, Houghton JA, Shepherd M, Hattersley AT, Weedon MN, Caswell R. Improved genetic testing for monogenic diabetes using targeted next-generation sequencing. Diabetologia. 2013 Sep;56(9):1958-63.
3. Hattersley A, Bruining J, Shield J, Njolstad P, Donaghue KC. The diagnosis and management of monogenic diabetes in children and adolescents. Pediatr Diabetes. 2009 Sep;10 Suppl 12:33-42.
 

Scarica Documento PDF

 
 
Copyright © 2019 | SICS S.r.l. - Via Boncompagni 16 - 00187 Roma | Partita IVA: 07639150965 - Tel. +39 06 89272802