Affiliated to European Society of Endocrinology

Una visione comune sul futuro del Servizio Sanitario italiano: dialogo tra AstraZeneca e le Società Scientifiche

Se da un lato l’emergenza COVID-19 ha messo in luce numerosi aspetti critici del nostro Servizio Sanitario, dall’altro ha creato un’accelerazione positiva di importanti processi che da tempo sembravano essersi arenati. Al fine di ottenere una visione complessiva delle criticità e delle opportunità da cogliere, AstraZeneca ha incontrato “virtualmente” le Società Scientifiche per confrontarsi su alcune tematiche chiave.
 
SCARICA DOCUMENTO PDF

AMGEN

AMGEN
Campagne di sensibilizzazione sulla FRAGILITA’ OSSEA

Ora pOSSO campagna di informazione per le pazienti con tumore al seno sulla fragilità ossea, conseguenza delle terapie ormonali adiuvanti indispensabili per la cura del tumore al seno

ORA pOSSO
La terza edizione di Ora pOSSO, la campagna di sensibilizzazione delle donne con tumore al seno sulla fragilità ossea indotta dalle terapie ormonali adiuvanti e sul conseguente aumento del rischio di fratture da fragilità. dell’iniziativa, promossa da Amgen, Europa Donna Italia e F.I.R.M.O. rafforza il suo network grazie alla collaborazione con SIOMMMS, e al patrocinio di CONI, SIE, Fondazione AIOM e W4O (Women for Oncology).

Ambasciatrice della campagna è la campionessa di tennis Francesca Schiavone, che ha vissuto l’esperienza di un tumore e che invita le donne a reagire “punto a punto” contro la malattia e contro la fragilità ossea

La campagna “Ora pOSSO, le donne con tumore al seno contro la fragilità ossea” è nata dall’ascolto diretto delle pazienti, in particolare dalle molte che condividono su gruppi Facebook le loro esperienze, esigenze e suggerimenti. Grazie anche ai vissuti e alle opinioni delle pazienti dei gruppi “Cancro al seno insieme possiamo sconfiggerlo”, “Le Toste, rinascita dopo il cancro al seno”, “Tumore al seno”, “Tumore al seno, Wonder Women”, è stato possibile disegnare una campagna comprensiva delle reali esigenze di chi, già trovandosi a dover lottare contro un tumore, vuole proteggere la salute delle proprie ossa.
Nonostante il tumore al seno sia il più diffuso tra la popolazione femminile (il 30% di tutti i casi di tumore), grazie alla diagnosi precoce e l’efficacia delle terapie è il tumore con il maggior numero di pazienti ancora in vita a 5 anni dalla diagnosi. Le pazienti in trattamento per un tumore al seno sono impegnate su più fronti: la neoplasia, gli effetti collaterali delle cure salvavita, i contraccolpi emotivi. Il dialogo è il primo passo per aiutare le donne a prendere coscienza di cosa significa la malattia, di come affrontarla ed anche di come sia possibile intervenire efficacemente sulla fragilità ossea, che si può prevenire e curare.

La fragilità dello scheletro e l’innalzamento del rischio di fratture è causato da un iper-riassorbimento osseo causato dalla terapia ormonale adiuvante. Contro questo tipo di fragilità le corrette abitudini da sole purtroppo non bastano: serve anche una terapia farmacologia mirata. Oggi è possibile ridurre fino al 50% il rischio di fratture da fragilità con terapie anti-riassorbitive mirate e lo sport è un importante fattore di prevenzione, per la salute delle ossa e per le recidive del tumore al seno.

Ora pOSSO è attiva sulla pagina Facebook di Europa Donna Italia e sul sito dedicato ossafragili.it/oraposso con aggiornamenti, informazioni grazie al contributo di Esperti e pazienti.
Unisciti a Francesca Schiavone Ambasciatrice della campagna Ora pOSSO
Sostieni anche tu le donne. Sostieni Ora pOSSO

Fotografa “i pugni chiusi che si uniscono”, gesto simbolico dell’iniziativa e condividi la foto sui social con
l’hashtag #oraposso aderendo simbolicamente alla campagna per affiancare le donne con tumore al seno che vivono il problema della fragilità ossea.
amgen
SCARICA DOCUMENTO PDF

“Fai vincere le tue ossa”, campagna di sensibilizzazione
sulla fragilità ossea

FAI VINCERE LE TUE OSSA

promossa da Amgen in
collaborazione con APMARR, Fedios,
Fondazione FIRMO, SeniorItalia, GISOOS, OrtoMed e SIOMMMS e con l’egida della SIE.


Quasi cinque milioni di italiani over 60 fanno i conti con la fragilità ossea e sono esposti al rischio di fratture da fragilità. L’emergenza Covid19 ha peggiorato lo scenario anche su questo fronte: controlli rinviati, terapie sospese, difficoltà nelle visite con gli specialisti. Ma essere informati sulla corretta prevenzione, sull’importanza di aderire alle terapie e avere un dialogo con un medico di fiducia, può aiutare i pazienti a rallentare l’indebolimento dello scheletro e ridurre il rischio di fratture da fragilità. Sono questi i punti chiave della nuova edizione della campagna di sensibilizzazione “Fai vincere le tue ossa” promossa da Amgen in collaborazione con APMARR - Associazione Nazionale Persone con Malattie Reumatologiche Rare, FEDIOS - Federazione Italiana Osteoporosi e malattie delle scheletro, FIRMO - Fondazione Italiana Ricerca sulle Malattie dell’Osso, Senior Italia, GISOOS – Gruppo Italiano di Studio in ortopedia dell’Osteoporosi Severa, OrtoMed - Società Italiana di Ortopedia, SIOMMS - Società Italiana sull’Osteoporosi, Metabolismo Minerale e Malattie dello Scheletro e con il patrocinio di SIE - Società Italiana di Endocrinologia.

La campagna “Fai vincere le tue ossa” si rivolge in particolare alle donne over 65 e a quelle over 45 che oggi hanno il ruolo di caregiver ma che devono anche cominciare a considerare la salute delle proprie ossa.
In Italia vengono stimati oltre 3 milioni e mezzo di donne con osteoporosi che diventeranno 4.690.000 nel 2050 e 1.000.000 di uomini affetti da osteoporosi di età superiore ai 50 anni1 e più del 75% della popolazione femminile sopra i 60 anni di età soffre di fragilità ossea da osteoporosi. Si calcola che in Italia, nel corso del 2017, si siano verificate 560.000 fratture da fragilità2. La fraglità ossea è un importante problema sociale e sanitario, soprattutto per le sue conseguenze più gravi: le fratture da fragilità, anche per traumi lievi e le rifratture, il cui rischio aumenta di cinque volte nei due anni a valle di un primo evento fratturativo. L’80% di chi subisce una frattura da fragilità non riesce più a fare le scale, il 50% non è più autonomo. Inoltre la ri-frattura è un evento gravissimo e potrebbe significare che, sebbene il paziente abbia già subito un primo trauma fratturativo, non gli è stata prescritta una terapia adeguata per evitare la ri-frattura. Di fatto il 75% dei pazienti anziani non riceve un trattamento farmacologico per l’osteoporosi in seguito ad una frattura di femore.
In Italia si spendono 10 miliardi di euro in prevenzione ma solo una piccolissima quota viene dedicata alla prevenzione della fragilità ossea. Quanto più si parla di fragilità ossea tanto più il problema viene portato all’attenzione dei cittadini, non solo degli anziani ma anche dei figli e dei nipoti, perché questa patologia e la sua più grave complicanza, la frattura da fragilità riguarda tutti visti i costi socio-sanitari altissimi.
Sul sito di campagna www.ossafragili.it sono disponibili informazioni sulla fragilità ossea, suggerimenti sui corretti stili di vita, consigli nutrizionali, una panoramica sui trattamenti, indicazioni utili per prepararsi
a una visita medica, oltre alla possibilità di fare un test per sapere se si è a rischio o meno di fragilità ossea e, di conseguenza, di fratture da fragilità.
amgen


    Nessun elemento presente

 
 
Copyright © 2021 | SICS S.r.l. - Via Boncompagni 16 - 00187 Roma | Partita IVA: 07639150965 - Tel. +39 06 89272802